menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

L'economia bolognese nel 2020: fatturati giù, crescono gli inattivi e la disoccupazione femminile

Un anno difficile e inedito influenzato dalla pandemia: vediamo i numeri del 2020

Fortemente condizionata dalla pandemia, l'Ufficio di statistica del Comune ha analizzato i dati su imprese, lavoro, turismo e prezzi, pratica l'economia economia bolognese con il report annuale che descrive i dati del territorio del 2020, un anno difficile e inedito. 

Imprese

Le imprese attive in città al 31 dicembre 2020 sono più di 32 mila. Rispetto al 2019 crescono le imprese straniere con + 1.9% e le società di capitale con + 2.7%. Le imprese bolognesi tendono ad assumere una forma societaria di capitale, mentre sono in calo sia le ditte individuali che le società di persone.
In flessione le imprese attive nel commercio che perdono 93 unità rispetto a fine 2019, mentre sono in lieve aumento le imprese attive nel settore ricettivo, immobiliare e nelle comunicazioni.
Le ditte individuali sono in leggera flessione e rappresentano il 45.9% delle imprese bolognesi, di cui circa 4 mila con titolari provenienti dall’estero, in particolare da Cina, Pakistan e Bangladesh. Tra le imprese individuali, quelle femminili sono pari al 27%.

Discoteche chiuse da un anno: "Se va bene riapriamo a luglio. Decreto Draghi? Il decreto delle super-briciole"

Un segnale positivo viene dalle start up attive a Bologna: a fine 2020 sono 227, in crescita di 9 unità rispetto al 2019 con + 4.1% e un’ottima performance rispetto al territorio nazionale.
Secondo i dati dello studio di Cerved sul fatturato delle imprese attive nel Comune di Bologna, nei primi 11 mesi del 2020 è andato perso l’11.2% del fatturato rispetto al 2019.
Il commercio estero, per lungo tempo motore dell’economia provinciale, mostra segni di affaticamento. Nel 2020 il valore delle esportazioni si contrae con - 7.1% sul dato del 2019, e le importazioni registrano una flessione del - 10.5%.

Occupazione

Il tasso di occupazione della Città metropolitana di Bologna si attesta al 71.5%, in calo di 1.4 punti percentuali. Il dato degli occupati è sui 472 mila. Bologna è in seconda posizione per tasso di occupazione tra le province italiane dopo Bolzano.
Il tasso di disoccupazione della Città metropolitana di Bologna si mantiene al 4.4% e si evidenziano significativi tassi di disoccupazione soprattutto tra le giovani donne.
La simultanea diminuzione dei disoccupati e degli occupati a Bologna è giustificata dall’aumento di 10 mila inattivi in età lavorativa che passano da 150 a 160 mila unità in un anno.

Per il 2020 si attesta un gender gap occupazionale di 12 punti percentuali per tutte le fasce di età. Il divario più ampio si registra nella fascia di età tra i 35 e i 44 anni, mentre il gap minore è tra i 45 e i 54 anni.

Nel Comune di Bologna, gli occupati nel 2020 sono circa 185 mila, in calo di circa 4 mila unità rispetto all’anno precedente: il tasso di occupazione è stimato intorno al 72.2% e il tasso di disoccupazione si mantiene su livelli bassi con un 3.9%.
Bologna si conferma prima tra i grandi comuni italiani per tasso di occupazione e supera Milano che ha un dato pari al 70.6%.
Gli inattivi sono passati da 55 mila a circa 61 mila e il tasso di inattività si attesta al 24.8%. 
In fortissimo incremento l’utilizzo della cassa integrazione guadagni: nella Città metropolitana di Bologna nel corso del 2020 sono state autorizzate 80 milioni di ore.

Turismo 

La pandemia del coronavirus ha interrotto il trend dei turisti in città. Sino al 2019 si è registrato un forte aumento del flusso turistico nazionale e di provenienza estera.
Nel 2020 gli arrivi turistici sono diminuiti di circa un terzo rispetto a quelli registrati nell’anno precedente. Rispetto al 2019 si registra un calo del - 54.5% di turisti italiani e di - 76.4% di turisti provenienti dall’estero. Il traffico passeggeri dell’aeroporto Marconi è in calo di oltre il 70% in riferimento all’anno precedente.

Prezzi

L’inflazione media annua a Bologna si ferma nel 2020 al -0.5%, mentre la performance nazionale porta l’indice dei prezzi al consumo medio al -0.2%.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Casalecchio: aperto il nuovo ristorante McDonald’s 

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento