Inchiesta 'villa inferno', il giorno dopo: "Interroghiamoci su come siamo arrivati a questo punto"

Previsto oggi l'interogatorio di garanzia del 49enne che ospitava i party a base di cocaina dove a essere coinvolta è stata una minorenne. L'assessora ai giovani Gaggioli: "Basta parlare dei carnefici e di particolari pruriginosi, pensiamo alle vittime"

IMMAGINE DI REPERTORIO

Bologna si risveglia stordita il giorno dopo l'emersione dell'inchiesta-scandalo sul caso dei sex party a base di cocaina della Bologna 'bene', che ha visto come co-protagonista una ragazza, all'epoca dei fatti di 17 anni. L'indagine, ribattezzata con il nome di 'Villa Inferno' in virtù dell'appellativo fornitole dai suoi partecipanti è ancora alle prime battute, e non si escludono nuovi sviluppi.

Durante le ultime perquisizioni è stato sequestrato molto materiale informatico, come telefoni, pc, tablet, e gli inquirenti sono alla ricerca di ulteriori riscontri a quanto già emerso e messo nero su bianco dal Gip Letizio Magliaro nell'ordinanza che dispone misure cautelari per sei degli allora partecipanti agli incontri di natura ludico-sessuale e un'abbondante consumo di cocaina, ma dove in mezzo è finita anche la 17enne. Per questo i capi di accusa sono pesanti: a vario titolo, atti sessuali con minore, induzione e sfruttamento della prostituzione minoriel, produzione di materiale pedopornografico, detenzione e cessione di sostanze stupefacenti a minore.

Sesso e cocaina con minorenni: oggi gli interrogatori

Per oggi è previsto il primo degli interrogatori di garanzia, a carico di Davide Bacci, 49 anni, proprietario della villetta dove sono avvenuti molti degli incontri oggetto di attenzione da parte della procura. Bacci è difeso dall'avvocato Giovanni Voltarella e l'interrogatorio si svolgerà in videoconferenza dal carcere dove risiede ora l'indagato.

Di Bacci, il giudice ne riporta e condivide le ipotesi del pm Dambruoso: "La messa a disposizione della villa e della droga nonché la frequenza con cui ciò avveniva non può che implicare un certo grado di coordinamento tra il Bacci e il capo ultras della Virtus (Luca Cavazza, ndr) con ciò dimostrando la necessaria esistenza di un accordo, presumibilmente in forma orale tra i due, in forza del quale il primo si sarebbe prodigato a reclutare e il secondo a organizzare e consumare i festini, nonché a far consumare atti sessuali con prostitute, anche minorenni, ai propri ospiti". 

La ricostruzione degli investigatori: "Contesto difficile" | VIDEO

Altro indagato di peso nell'inchiesta Luca Cavazza, 27 anni, volto noto della curva Virtus ed ex candidato -non eletto- per Forza Italia e Lega, è considerato nell'ordinanza come colui che "ha reso possibile il contatto tra la minore e i soggetti che hanno avuto con lei rapporti sessuali, dietro corrispettivo di fornitura di cocaina, realizzando così l'attività di prostituzione della ragazza". Cavazza è difeso dall'avvocato Massimiliano Bacillieri.

Inchiesta Villa Inferno, Gaggioli: "No a particolari pruriginosi, ma chiedersi perché è successo"

Sulla vicenda è intervenuta la assessora alla famiglia e ai giovani del comune di Bologna Elena Gaggioli. "Sui social, come anche sulla stampa, sento molto parlare dei carnefici (persone oscene) e molto poco delle vittime" chiosa Gaggioli "mi piacerebbe peró che tutti insieme ci chiedessimo cosa spinge giovani ragazze in queste dinamiche perverse e criminali, quali sono gli ambienti sociali, fisici e virtuali in cui affondano le radici i soprusi, le violenze e anche gli inganni di cui queste giovani donne sono state vittime. E soprattutto che ci domandassimo cosa fare perché non accada più".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Sia chiaro -continua l'assessora- sono da evitare indagini pruriginose sulla vita delle vittime, ma credo dobbiamo discutere ed interrogarci tutti, con delicatezza e rispetto, su come si sia arrivati a questo punto è soprattutto su come evitare che non accada ancora. Proteggere le vittime di oggi ed evitare che ce ne siano altre domani".

Tutte le notizie sull'indagine 'villa inferno':

Orge con minorenni e cocaina: coinvolti nomi noti, trema la Bologna 'bene' 

Ai domiciliari Cavazza, l'ex candidato alle regionali che scriveva: "Giù le mani dai bambini" 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, tre ragazzi positivi nei licei di Bologna: controlli su 90 tra studenti e professori

  • Maltempo a Bologna e provincia: persone intrappolate dall'acqua, allagato anche l'asse attrezzato

  • Scuola, altri due casi di Covid al Fermi e alle Guido Reni

  • Due locali di Bologna tra le '20 Migliori Pizze in Viaggio in Italia'

  • Dolci e leccornie: 5 imperdibili pasticcerie a Bologna

  • Covid, 3 studenti positivi a Castello D’Argile e a Bologna: coinvolte 49 persone

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BolognaToday è in caricamento