Focolaio a Longara, in 2 giorni 2.042 tamponi. Il sindaco Falzone: "Una bella risposta, così va attaccato il virus"

Soddisfazione per come tutto si è svolto e per la risposta di responsabilità dei cittadini. Giampiero Falzone: "Adesso attendiamo gli esiti. L’operazione Longara si può definire un successo e potrebbe tracciare una strada per il futuro"

Il team e il sindaco al lavoro

"Appena in possesso dei dati epidemiologici verrete aggiornati": così il sindaco di Calderara di Reno Giampiero Falzone chiude un weekend impegnativo per la frazione luogo di un aumento del numero dei casi osservati dopo l'individuazione di un focolaio monitorato dall'Ausl di Bologna, che ha poi attivato un approfondimento epidemiologico sulla diffusione dell'infezione del virus Sars-CoV-2 mettendo a disposizione due mila test per i cittadini.  

"L’operazione Longara si può definire un successo e potrebbe tracciare una strada per il futuro. Ben 2.042 cittadini (1010 nella giornata di sabato e 1.032 nella giornata di domanica - si sono sottoposti all’esame gratuito del tampone naso oro-faringeo, esame messo a disposizione dall’Ausl per la rilevazione del virus Covid-19" spiega il primo cittadino. 

Un "attacco al virus" fortemente voluto e una risposta importante

"Un’operazione importante, arrivata in seguito all’individuazione di un focolaio proprio a Longara, con 8 positivi quasi tutti giovanissimi: un “attacco al virus” fortemente voluto dall’Amministrazione Comunale, che ha collaborato attivamente con l’azienda sanitaria per capire la reale portata del contagio nella zona. Erano stati 1010 il primo giorno i cittadini di Longara ma non solo (l’accesso era consentito ai soli residenti nel territorio di Calderara di Reno, di cui Longara è una popolosa frazione), e anche oggi nonostante la pioggia mattutina si sono presentati in tanti, all’ambulatorio mobile allestito al Centro sociale anziani di via Caduti della Libertà. Procedure rispettate, nessuna ressa grazie all’eliminacode, tanta fiducia da parte dei cittadini. “La risposta – commenta il sindaco Giampiero Falzone - è stata importante".

"Spegnere sul nascere questo focolaio"

"I cittadini hanno raccolto il nostro invito. Bisogna intervenire in questo modo radicale, dobbiamo noi individuare ed attaccare il virus. Il dipartimento di sanità pubblica, l’Ausl e la Regione sono stati da subito attenti, io confido che possiamo spegnere sul nascere questo focolaio. Abbiamo osservato con piacere la risposta responsabile dei cittadini, di Longara e Calderara tutta, che si sono mossi non solo per la salute loro, ma per quella di un’intera comunità”.

L’operazione sanitaria della due giorni di Longara è stata compiuta anche grazie ai volontari di Protezione Civile Calderara, Bologna Zoofila, Pro Natura, Rangers, Associazione Giacche Verdi, che hanno garantito il rispetto di tutti le misure di sicurezza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm, le misure in arrivo e le regioni a rischio maggiore (Emilia Romagna tra queste)

  • Nuovo Dpcm, seconde case e nuove regole: tutte le risposte

  • Schivata la zona rossa, l'Emilia Romagna resta arancione

  • Red Ronnie contro la serie su San Patrignano: "Solo aspetti negativi, ma molti sono ancora vivi grazie a Muccioli"

  • Dpcm e zona arancione, fioccano multe per violazione del coprifuoco e uscita dai comuni di residenza

  • Coronavirus, i casi del 13 gennaio: calano i contagi a Bologna e in Emilia-Romagna

Torna su
BolognaToday è in caricamento