Venerdì, 24 Settembre 2021
Cronaca

Maltempo e danni da frane, la Regione ci mette altri otto milioni

Una integrazione ad alcuni fondi già stanziati dovrebbe portare all'acoglimento di tutte le domande presentate a oggi per i danni arrecati al settore agricolo. Con lo stanziamento altgri 5 milioni per favorire l'insediamento dei giovani

Nelle ore in cui l'Appennino fa i conti con frane e smottamenti dopo una notte di nubifragi, la Regione Emilia-Romanga annuncia una integrazione dei fondi a sostegno dell'agricoltura colpita dai danni da maltempo.

Otto milioni di euro sono stati aggiunti alle cifre già stanziate (16,8 milioni): in questo modo -scrive una nota di Viale Aldo Moro si dà copertura anche alle 86 domande per risarcimento danni da maltempo finora rimaste inevase. 173 su 259 le richieste accolte per finanziare le riparazioni dovute a frane e smottamenti in ambito agricolo.

Non solo, nel medesimo provvedimento viene arricchita al dotazione, con cinque milioni di Euro, del pacchetto giovani 2019 per il reinsediamento nelle zone spopolate dell'Appennino e favorire la giovane imprenditoria agricola. In questo modo -annuncia la Regione- viene esaurita tutta la graduatoria per le domande presentate.

“Contrastare il dissesto e favorire il ricambio generazionale in ambito agricolo sono temi centrali della politica agricola regionale, azioni strategiche per il supporto territoriale e dell’impresa- afferma l’assessore regionale all’Agricoltura, Alessio Mammi-. L’agricoltura è una delle sfide globali del nostro tempo e ha bisogno del supporto costante delle istituzioni, per rafforzare le aree di produzione agricola territoriale e le persone che ci lavorano. Per noi l’obiettivo è liquidare tutte le risorse possibili e dare massimo sostegno alle imprese e al territorio. Grazie a questi investimenti siamo riusciti a esaurire le graduatorie del Piano di sviluppo rurale che sosteneva le due misure”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maltempo e danni da frane, la Regione ci mette altri otto milioni

BolognaToday è in caricamento