menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Maltempo, il giorno dopo: frane in strada, fiumi osservati speciali

Nella notte diversi piccoli smottamenti e alberi caduti sulle strade minori hanno tenuto impegnati i vigili del fuoco. Traffico a singhiozzo sulla Porrettana

Alberi e rami in strada, piccole frane e smottamenti. L'Appennino si risveglia così il giorno dopo l'ondata di maltempo che ieri ha investito il bolognese. Dalle 6:45 sulla SS 64 Porrettana si procede a senso alternato a causa di uno smottamento di terra che ha invaso la sede stradale. I lavori di ripristino andranno avanti anche per lo smottamento che ieri ha fatto paura in quel di Pianoro dove un contrafforte di contenimento è crollato proprio sotto una palazzina. Sette famiglie sono state fatte evacuare.

I Carabinieri hanno informato che nella sola giornata di ieri sono stati impegnati in una trentina di interventi in tutta la provincia, per lo più dedicati a soccorrere automobilisti in difficoltà, tra neve, caduta alberi e in un caso anche di caduta massi, quest0ultimo per fortuna senza conseguenze. I militari sono entrati in azione un po' in tutti i  Comuni dell'Appennino, da Castel di Casio fino anche a San Lazzaro.

Crolla muro a Pianoro, palazzina minacciata dalla frana | VIDEO

Maltempo Bologna: Smottamenti nella notte

Altre frane e piccoli smottamenti stanno interessando le strade secondarie un po' in tutto l'appennino, come a Castiglion De' Pepoli, Monzuno, Sasso Marconi e appunto PIanoro. A Castenaso invece i vigli del fuoco sono dovuti intervenire nel tardo pomeriggio di ieri per mettere in sicurezza la croce del campanile della chiesa, reso pericolante dalle incessanti precipitazioni. Anche a San Pietro in Casale si registrano alberi caduti e alcuni garage allagati.

Maltempo, la neve di maggio cade in Appennino | VIDEO

Maltempo Bologna: fiumi sotto la lente

Sebbene le previsioni meteo siano in netto miglioramento, sotto stretta osservazione sono rimasti i fiumi e i torrenti per tutta la notte. I torrenti Lavino, Samoggia, Savena e Idice per tutta la notte hanno scaricato le acque a valle: personale della Protezione civile e della bonifica Renana hanno provveduto a rimuovere ammassi di tronchi e rami prima dell'arrivo della piena. Il punto più cirtico si è registrato questa mattina in località Forcelli di Anzola nell'Emilia dove nel punto di confluenza della acque tra Lavino e Samoggia si è registrato un livello di colmo oltre la zona rossa. La situazione ora è in via di miglioramento. L'allerta meteo emanata ieri rimane in vigore fino a questa sera, con la neve caduta in Appennino destinata a sciogliersi e a rialimentare i fiumi a valle.

Sullo stesso argomento leggi anche:

Maltempo Bologna: strade allagate, fiumi in piena, neve in Appennino

Maltempo, neve in Appennino: fiocchi scendono a Monghidoro e Porretta

Maltempo, vento forte e pioggia battente: allerta meteo fiumi

Maltempo, Pianoro: frana terreno sotto palazzina, evacuate sette famiglie

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Lo sapevi che .... anche Bologna aveva un porto?

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento