menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

People Mover e rumore, Lepore riconosce "problema oggettivo", Bfc replica: "Se ne accorge solo ora?"

Per la lista di centro l'emersione di difetti a opera realizzata potrebbero arrivare anche su tram e Passante di mezzo. L'assessore: "Incontrati i residenti, dobbiamo farcene carico"

Il rumore del People mover "è un problema oggettivo". Ora ne è convinto anche l'assessore Matteo Lepore, candidato sindaco dem a Bologna, che sabato scorso nel pomeriggio ha fatto visita a un gruppo di residenti in via Bertalia. Sono stati gli stessi cittadini a chiedergli l'incontro.

"Mi avevano scritto e ho voluto andare a verificare di persona, confrontarmi con loro -scrive l'assessore- farmi un'idea chiara e inequivocabile, perché credo che chi si candida a sindaco non possa eludere le questioni". Il risultato di questo incontro, dunque, è che anche per l'assessore "il problema è oggettivo. Dobbiamo farcene carico, perché il diritto al riposo e alla quiete da parte dei residenti è un bene prioritario. Per di più in una zona che già subiva e subirà l'inquinamento acustico dell'aeroporto".

Lepore in sostanza propone un tavolo di monitoraggio, con il Comunee il quartiere a fare da intermediario tra gestore e residenti. "Per quanto mi riguarda, sarò al loro fianco affinché interventi adeguati siano messi in campo per risolvere il problema", promette il candidato sindaco.

Bologna Forum Civico punge: "Lepore se ne accorge ora?"

"Lepore si accorge solo ora che il People Mover fa rumore e disturba il sonno di centinaia di cittadini?". A stretto giro arriva la replica di una delle formazioni di centro che di recente hanno fatto capolino per la corsa a sindaco. Si tratta di Bologna Forum Civico, la 'creatura' politica che tra i suoi esponenti annovera anche l'ex grillino Giovanni Favia e l'ex Insieme Bologna ed ex Lega Nord Manes Bernardini, nonché l'ex sindaco di Castenaso Stefano Sermenghi.

"Come tutte le opere di questa Giunta -si legge in una nota di Bfc- vige il detto che dice 'la fretta fa i gattini ciechi' (per l'esattezza il detto inizia con 'la gatta frettolosa...', ndr)" è la chiosa di Bfc, che mette il dubbio anche sulle opere a venire, come il tram o il passante autostradale.

"Non vogliamo nemmeno immaginare -incalza Bfc- che cosa potrà succedere a progetti sicuramente più impattanti come Tram e Passante di mezzo. Non vorremmo che, se realizzati ci si accorgesse che sono sbagliati o mal progettati. Ci chiediamo inoltre se il progetto ambientale del People Mover prevedeva la valutazione dell’impatto acustico e se questo è stato vagliato ed approvato da questa Giunta di cui Lepore -ricorda Bfc- è un importante elemento".

La questione rumore del People Mover

Il tema del rumore provocato dal People Mover al suo passaggio è emerso sempre di più negli ultimi due anni, col procedere del progetto e l'avvio delle prove della navetta sui binari sopraelevati che collegano aeroporto e stazione.

Le proteste dei residenti che si trovano lungo il tragitto del People mover sono state portate anche più volte in Consiglio comunale da Coalizione civica e M5s (le stesse forze a cui Lepore ha teso più volte la mano negli ultimi tempi in vista delle primarie) e hanno spinto la società di gestione del People Mover, Marconi Express, a installare centraline di monitoraggio in accordo col Comune di Bologna e fare alcuni interventi per ammortizzare il problema.

Sono state ad esempio installate nuove ruote per ridurre il rumore e barriere fonoassorbenti in alcuni tratti del percorso, oltre a realizzare mitigazioni ad hoc su alcuni degli edifici più esposti al disturbo. Lo stesso comitato dei residenti "Vivere bene in Bertalia" aveva però minacciato di adire alle vie legali per far valere le proprie ragioni contro l'inquinamento acustico prodotto dal People Mover. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

I Giardini Margherita, tra tesoretti e sorprese inaspettate

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento