Cronaca Centro Storico / Strada Maggiore

Fiera di Santa Lucia, i commercianti: "Dubbi sulla scelta della pedonalità. Ci vorrebbe una navetta"

Come ogni anno ha aperto il mercatino di Santa Lucia, che quest'anno deve fare i conti con i T-Days: fra i commercianti non c'è molta preoccupazione, ma auspicano una maggiore attenzione da parte dell'Amministrazione

E come ogni anno il Portico dei Servi ha fatto spazio al mercatino tradizionale di Santa Lucia. Dal 17 novembre infatti le casette espostive di legno che lo scorso anno furono al centro di una grossa polemica fra commercianti e associazioni organizzative (con tanto di protesta in comune) dopo che era stata decisa una riqualificazione importante sono tornate a illuminare uno dei portici più belli e suggestivi della città. E se nel 2013 il problema erano le nuove strutture, per molti scomode e inadeguate, quest'anno i dubbi sono tutti sulla pedonalizzazione e il cantiere in corso lungo Strada Maggiore, il cantiere BOBO, che dovrebbe poi far tornare il tutto alla normalità dall'8 dicembre.

"Ho un atteggiamento positivo nei confronti dei centri pedonali - commenta l'espositore bolognese Pierpaolo Stagni - e aspettiamo di vivere il primo week-end di mercatino per capire se qualcosa è cambiato per noi. Forse ci vorrebbe una navetta che possa portare qui la gente, magari dalla nuova e vicina stazione ferroviaria San Vitale? Per ora per noi una grossa difficoltà è quella della sosta, non possiamo avvicinarci con i nostri mezzi e siamo costretti a parcheggiarli lontano e a pagamento. Per quanto riguarda le nuove casette, che io ho accettato subito senza problemi, secondo me fanno risaltare la bellezza del portico e sono anche pratiche oltre che belle". Stagni è convinto inoltre il mercatino di Natale di Santa Lucia rappresenti un'elite, un'eccellenza che andrebbe valorizzata ulteriormente, come poi dimostra la fedeltà dei bolognesi da decenni.

Anche Pietro Paolo Frignani, che al Mercatino di Santa Lucia ci lavora dal 1976 (addobbi per l'albero e palle di vetro dipinte a mano), aspetta di vedere cosa succederà nel primo fine settimana di apertura prima di commentare la scelta della pedonalizzazione: "Non possiamo fare commenti a priori, temo più che altro per le persone anziane, che non potendo arrivare fin qui in autobus potrebbero dover rinunciare al giro in Santa Lucia: ci vorrebbe una di quelle navette elettriche...Confermo anche io che un problema che ci riguarda è quello della sosta dei nostri mezzi. Comune e Regione in ogni caso hanno sempre pensato troppo poco a Santa Lucia".

Le casette espositive in totale sono 46, di cui 40 con l'aspetto deciso dalla riqualificazione dello scorso anno: le altre sei invece, pur essendo in armonia con le prime hanno caratteristiche differenti e sono quelle di coloro che hanno protestato nel 2013: "Abbiamo fatto capire a chi di dovere le nostre esigenze e ora abbiamo strutture più adatte alle merceologie che vendiamo - racconta una delle commercianti che ha ottenuto la struttura più squadrata (vedi foto) - è una questione di principio visto che le casette ce le siamo dovuti comprare noi! Per quanto riguarda i T-Days sappiamo già che l'afflusso sarà minore, ma staremo a vedere!"

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fiera di Santa Lucia, i commercianti: "Dubbi sulla scelta della pedonalità. Ci vorrebbe una navetta"

BolognaToday è in caricamento