rotate-mobile
Giovedì, 26 Maggio 2022
Cronaca Marzabotto

Sardine, raduno a Marzabotto: "Pronti a festeggiare 2 anni di forte mobilitazione politica"

Così Santori, aggiungendo: "Eravamo pronti per ritrovarci l’anno scorso, ma la seconda ondata pandemica ci bloccò.". Nel weekend occasione per "riflettere su un percorso a cui ad oggi si è aggiunto l’ultimo pezzo del puzzle: quello delle candidature”

Due anni fa il Crescentone di piazza Maggiore straripava di giovani 'Sardine' pronte a suonare la sveglia per risvegliare le coscienze civiche in vista delle elezioni regionali in Emilia Romagna. Un movimento nato come apartitico. A 24 mesi da quell'incontro, al quale seguirono altre ampie adunate in lungo e largo per l'Italia,  è tempo di tornare in mare. Con il bagaglio che questo periodo ha accumulato sulle spalle. Come le candidature,  quella di Mattia Santori, leader del gruppo, neo consigliere in comune a Bologna , militando nelle file Pd.

Il prossimo tuffo sarà nelle acque dei primordi, in terra felsinea, ovvero a Marzabotto "luogo simbolo della resistenza, della pace e dell’antifascismo”. Sono le stesse 6.000 Sardine ad annunciarlo. Il 19 e 20 novembre sono attesi anche Gianfranco Pagliarulo, presidente dell’Anpi, la sindaca di Marzabotto Valentina Cuppi, che è anche presidente Pd, e alcuni consiglieri comunali di Bologna, tra cui Rita Monticelli, professoressa di Patrick Zaki. Si tratta, chiarisce il movimento, della prima “reunion” nazionale dopo la stagione delle piazze a cavallo tra il 2019 e il 2020, fortemente voluta dall’attuale comitato esecutivo del movimento.

Santori: "Una bella avventura questo doppio ruolo da consigliere-amministratore, ma non lascio le Sardine"

"Due anni di forte mobilitazione politica... oggi aggiunto pezzo puzzle, le candidature"

“In realtà in questi due anni ci siamo visti spesso, ma sempre per fare, e concedendoci poco tempo per osservare e costruire”, afferma Giulia Trappoloni, fondatrice del movimento e responsabile della due giorni, come si legge sulla agenzia Dire. “Dall’occupazione del Nazareno fino alle recenti candidature, passando per le campagne referendarie su cannabis, eutanasia e taglio dei parlamentari e per le tantissime iniziative locali portate avanti dai gruppi territoriali. Ora che la situazione sanitaria ce lo permette abbiamo finalmente l’opportunità di incontrarci e ragionare insieme... pronti per ritrovarci l’anno scorso, ma la seconda ondata pandemica ci bloccò sul più bello. Ora possiamo festeggiare due anni di forte mobilitazione politica, riflettendo su un percorso a cui ad oggi si è aggiunto l’ultimo pezzo del puzzle: quello delle candidature”, aggiunge il neo-consigliere comunale Mattia Santori.

Il programma del raduno delle sardine a Marzabotto

“Sarà importante- aggiunge il consigliere Pd- condividere anche l’esperienza consiliare e amministrativa di alcuni di noi, per spiegare che la politica non è fatta solo di retorica ma anche di pragmatismo e governo del territorio”. Gli attivisti da tutta Italia arriveranno nella giornata di venerdì, 19 novembre.

Il sabato, prima dell’inizio dei lavori, si svolgerà la visita ai luoghi dell’eccidio con i volontari della scuola di Pace di Montesole, dopodiché la giornata si concluderà con un incontro dal titolo “L’antifascismo come costante, la politica come strumento”, con Gianfranco Pagliarulo, Valentina Cuppi, Rita Monticelli, Patrizia Dogliani (professoressa di Storia Contemporanea ed esperta di resistenza), Simone Santoro (Presidente Ugei), Rita Carlo Figliomeni (Anpi, Unibo).
Nella giornata conclusiva di domenica è prevista l’assemblea nazionale “per riflettere sull’attuale panorama politico- sottolinea il movimento- e sul ruolo che le sardine vogliono rivestire in futuro”.

"Sardine" vs Salvini in Piazza Maggiore

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sardine, raduno a Marzabotto: "Pronti a festeggiare 2 anni di forte mobilitazione politica"

BolognaToday è in caricamento