Cronaca San Donato / Via Aldo Moro

Prima 'grana' per il neo-assessore Donini: lavoratori dei trasporti in protesta sotto la sede della Regione

Giovedì 15 Gennaio, il sindacato di base USB e i lavoratori dei trasporti manifestano contro il Jobs Act e i licenziamenti collettivi e in difesa del trasporto pubblico

"Giovedì 15 Gennaio alle 15, invitiamo tutte le lavoratrici e tutti i lavoratori a partecipare alla manifestazione contro il Jobs Act, i licenziamenti collettivi, la difesa del Servizio Pubblico e dello Stato Sociale". Così il sindacato di base USB in una nota indirizzata al nuovo assessore regionale ai trasporti, Raffaele Donini, e alla nuova Giunta di viale Aldo Moro.

"No al people mover, alla realizzazione dell'autostrada Cispadana e del Passante nord" queste le richieste alla regione "destinando le risorse economiche  così risparmiate  all'acquisto di nuovi treni per i pendolari e al  potenziamento dell'infrastruttura, in quest'ottica non è più rinviabile il raddoppio della linea ferroviaria Porrettana.  Una ferrovia sicura ed efficiente, treni non affollati, puliti e puntuali, stazioni non abbandonate richiedono forti investimenti, capacità e direzione gestionale da parte dello stato perché il sistema dei trasporti è bene primario di una società civile. Per questo ci opponiamo alla frammentazione del gruppo FS e alla privatizzazione del trasporto pubblico e aggiungono "la Regione Emilia Romagna, con la messa a gara del trasporto ferroviario regionale, asseconda questo processo che avrà conseguenze negative per i lavoratori del settore attraverso l'abbattimento dei diritti  ma anche per l'utenza che vedrà peggiorare ulteriormente il servizio. Già oggi nella nostra regione mentre aumentano i pendolari si assiste al taglio del servizio e all'aumento delle tariffe. Neanche un centesimo dei fondi strutturali europei è stato destinato al trasporto pendolare, mentre si destinano risorse economiche per finanziare e realizzare le grandi opere, utili solo a foraggiare i signori del cemento e dell'asfalto.

"Per ogni tonnellata di carico trasportato e per ogni chilometro percorso su rotaia nell’atmosfera vanno mediamente 29 grammi di CO2. Per ogni merce circolante su strada, invece, le emissioni ammontano a 81 grammi, quasi il triplo. Basterebbe questo semplice dato, che puntualmente ci viene snocciolato dopo l'ennesimo disastro ambientale, per convincersi della necessità di investire e rilanciare il trasporto pubblico ferroviario. Assistiamo, al contrario, alla dismissione, da parte del gruppo FSI, della Cargo, la società che gestisce il trasporto merci, mentre nel trasporto passeggeri prevale la privatizzazione. L'alta velocità che tutti i giorni trasporta 40mila passeggeri e a cui vengono dedicate ingenti risorse economicusb jobs act-2he; dall'altro il trasporto regionale, utilizzato giornalmente da circa 3milioni di pendolari costretti a viaggiare in vetture sovraffollate, vetuste e sporche, manutenzione a dir poco insufficiente, ritardi e soppressioni, carenze di personale".

Il sindacato si scaglia anche contro la  manovra economica del Governo Renzi che a marzo passerà al vaglio della commissione europea: "In tale occasione il governo intende portare sul piatto la  privatizzazione del gruppo FS, la più grande azienda pubblica, costruita coi soldi dei lavoratori".

Gallery

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Prima 'grana' per il neo-assessore Donini: lavoratori dei trasporti in protesta sotto la sede della Regione

BolognaToday è in caricamento