rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Cronaca

Tra i 75 e i 79 anni: al via le prenotazioni per vaccinarsi

Dall’apertura delle agende, questa mattina, fino alle 15 hanno fissato data e luogo dei loro appuntamenti con la somministrazione in totale 71.978 emiliano-romagnoli

Sono quasi 72.000 gli anziani tra i 75 e i 79 anni di età (quindi i nati dal 1942 al 1946) che in Emilia-Romagna hanno già prenotato la vaccinazione contro il Covid-19.

Dall’apertura delle agende, questa mattina, fino alle 15 hanno fissato data e luogo dei loro appuntamenti con la somministrazione in totale 71.978 emiliano-romagnoli: 3.500 a Piacenza, 6.850 a Parma, 7.292 a Reggio Emilia, 8.150 a Modena, 19.662 a Bologna, 2.492 a Imola, 6.032 a Ferrara e 18.000 nelle province di competenza dell’Ausl della Romagna, cioè Forlì-Cesena, Ravenna e Rimini.

“È un dato molto significativo che entro la giornata di oggi quasi la metà del target della popolazione degli ultra 75enni abbia già una data per la somministrazione del vaccino -  afferma l’assessore alle Politiche per la salute, Raffaele Donini-.  Le vaccinazioni inizieranno entro i prossimi 10 giorni e proseguiranno nel mese di aprile. Un ulteriore passo avanti per uscire tutti insieme dall'emergenza”.

Il sistema per riservare il vaccino fino ad ora ha risposto positivamente all’importante quantità di richieste, fa sapere la Regione, se non per alcuni problemi tecnici, già risolti, con i call center e i Fascicoli sanitari elettronici di alcune Ausl. Le prenotazioni continuano per tutta la giornata di oggi e nei giorni a seguire tramite i canali disponibili: rivolgendosi al Cup o alle farmacie con servizio Cup, telefonando alla propria Ausl (ognuna ha un numero dedicato) oppure direttamente online utilizzando il Fascicolo sanitario elettronico (Fse) o le applicazioni ER Salute o Cupweb. (Informazioni più dettagliate sono disponibili sul sito https://vaccinocovid.regione.emilia-romagna.it).

Intanto, dopo il blocco del lotto Atrazeneca  qualche giorno fa (oggi il secondo) per far luce su alcuni decessi, si è verificata purtroppo la cancellazione di appuntamenti già presi per la prima dose, a danno di coloro che volevano regolarmente vaccinarsi perché sono venute a mancare le 10 persone necessarie per esaurire la fiala Astrazeneca.

Indagine sulla morte del prof dopo vaccino: “No allarmismi”

Caso AstraZeneca: "Vaccinata con una dose dal lotto vietato. Ci si sente un po' cavia"

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tra i 75 e i 79 anni: al via le prenotazioni per vaccinarsi

BolognaToday è in caricamento