San Petronio, tutti gli eventi del 4 ottobre: così si festeggia il patrono di Bologna

Domenica 4 ottobre Bologna festeggia il suo Santo Patrono: quest'anno niente ponte, ma sono tante le cose da fare in città

Il 4 ottobre Bologna festeggia il suo patrono: San Petronio. Quest'anno niente ponte visto che cade di domenica, ma resta comunque una giornata speciale sotto le Due Torri: all'ombra della Garisenda e degli Asinelli si respira infatti un'aria speciale, con tanti appuntamenti per tutti, che vanno dalle visite guidate alle mostre, dagli eventi per bambini alle occasioni di gusto. Ma questo, dal punto di vista religioso è davvero un giorno importantissimo: domenica 4 ottobre alle ore 16 in piazza Maggiore vi sarà la beatificazione di Padre Marella.

Ecco gli eventi da non perdere il 4 ottobre 2020:  

Giornata delle dimore storiche: aperture straordinarie e gratuite anche nel bolognese

Torna la Giornata Nazionale dell’Associazione Dimore Storiche Italiane: domenica 4 ottobre, con il riconoscimento della medaglia della Presidenza della Repubblica e con il patrocinio della Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO, anche castelli, rocche, ville e palazzi in Emilia-Romagna apriranno gratuitamente le loro porte per accogliere nuovamente tutti coloro che vorranno immergersi in luoghi unici della storia e del patrimonio artistico e culturale italiani. Anche Bologna da il suo contributo con due imperdibili location. 

San Petronio Market: vintage, seconda mano, artigianato e birra 

A grande richiesta dopo lunghi e forzati mesi di assenza torna Armadio Circolare con il suo mercatino sempre più frizzante e divertente. Si festeggia il nostro Santo Patrono da ZOU - Zapap Officine Urbane per un intero pomeriggio domenicale. 

Cimitero della Certosa: passeggiata nella storia

Audio-Look. Una passeggiata nella storia, una passeggiata in Certosa (alle ore 11:00). Istantanea Teatro propone un nuovo modo di scoprire la Certosa, perfettamente in linea con le misure di sicurezza legate all’emergenza. Audio-look è una passeggiata culturale tra le bellezze del cimitero, che unisce lo sguardo (look) con l’ascolto (audio), come durante la lettura di un libro illustrato. La prima tappa è in presenza: un’attrice vi introdurrà al percorso, per lasciarvi poi liberi di vagare (sempre se ne avete il coraggio!) tra le tombe e i monumenti, in una caccia al tesoro che è un viaggio nella storia e nella memoria. Nello zaino, solo il vostro smartphone e le vostre cuffiette. Per circa 1 ora vi immergerete individualmente tra le biografie illustri, ma poco conosciute, di alcune donne protagoniste del Lungo Ottocento Bolognese, che sarà vostro compito scoprire, proprio come durante una caccia al tesoro. Prenotazione obbligatoria al 347 4088539 (solo messaggi) oppure istantanea.teatro@gmail.com. Ritrovo presso l'ingresso principale della Certosa (cortile Chiesa). Ingresso: € 5,00 intero + € 1,00 per tessera associativa (per ogni ingresso pagante un euro sarà devoluto per la valorizzazione della Certosa). 

“Emozioni nel Chiostro” alla Basilica di Santo Stefano

Domenica 4 Ottobre 2020 alle ore 20:30, in occasione dei festeggiamenti per San Petronio, la Bologna Youth Chamber Orchestra, torna ad esibirsi con un concerto dal titolo “Emozioni nel Chiostro” che si terrà nella Basilica di Santo Stefano, in Piazza S.Stefano a Bologna.

Colazione d'arte a Palazzo Pepoli 

Dopo la mostra dedicata al Seicento bolognese, Casa Saraceni inaugura la mostra Burrini Crespi, Creti, Gandolfi. Il Settecento bolognese nelle collezioni della Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna. Un percorso espositivo pieno di storie e capolavori prestigiosi: dalle tele del pittore antiaccademico Antonio Burrini, all’enfant prodige Donato Creti, alle opere di Crespi e dei suoi eccellenti allievi come il Beccadelli fino alle tele dei Gandolfi che introdurranno a Bologna un nuovo gusto pittorico. Prima della visita guidata la mattinata inizierà a Palazzo Pepoli. Museo della Storia di Bologna (via Castiglione 8) con una colazione all’interno della corte, per immergersi nella giusta atmosfera.

La mostra è gratis per chi fa l'onomastico oggi

Una iniziativa originale, una splendida occasione per visitare la mostra “La Riscoperta di un Capolavoro” dedicata al Polittico Griffoni.  In occasione del 4 ottobre, ricorrenza di San Petronio, patrono di Bologna, e di San Francesco d’Assisi, tutti coloro che festeggiano il proprio onomastico (Francesco, Francesca e Petronio) verranno omaggiati del biglietto d’ingresso. Un modo per celebrare sia l’autore dell’opera, Francesco Del Cossa, sia il luogo per il quale il Polittico nacque, la Basilica di San Petronio: la magnifica pala d’altare adornava infatti la Cappella della Famiglia Griffoni all’interno della chiesa cittadina. Basterà presentare il documento d’identità alla biglietteria di Palazzo Fava per ricevere il biglietto omaggio.

Teatro all'Arena Orfeonica: spettacolo di danza e musica popolare a ingresso gratuito

"Appunti di Viaggio", spettacolo di danza e musica popolare in collaborazione con Gruppo Spettacolo Teamballo 2.0 e Ass. Cult. Tessuti Sonori  (rmandato a causa del maltempo di domenica 27 settembre). Come un viaggiatore che nel suo cammino prende brevi appunti di viaggio, vedremo delle cartoline danzanti da diversi paesi europei. Ci sposteremo dai Balcani alla Penisola Iberica, accompagnati dalla musica dal vivo che farà da ponte tra una danza e l'altra permettendoci di chiudere gli occhi e viaggiare con i suoni. Allo spettacolo seguirà un momento di animazione in cui verranno insegnate delle  semplici danze, è un momento di divertimento e condivisione che ci permetterà di ballare tutti insieme... anche se distanziati! Durante l'animazione verranno mantenute le distanze di sicurezza e rispettate le  norme sanitarie vigenti.

Nel 1986 nasceva il Teamballo, lo storico gruppo spettacolo bolognese, ed è rimasto attivo per quasi trent'anni con esibizioni, collaborazioni con musicisti, animazioni, spettacoli teatrali, poi silenziosamente si è addormentato. Nel 2018 un gruppo di ballerini, provenienti da diverse realtà che si occupano di danza popolare tradizionale, ha pensato di svegliarlo, l'ha vestito di altri colori pur mantenendo intatta la passione e l'attenzione per le danze proposte che ha caratterizzato il gruppo storico. "Pensiamo che lo spettacolo sia un ulteriore mezzo per avvicinare la danza  tradizionale alle persone che ancora non la conoscono, soprattutto in quelle situazioni dove un coinvolgimento più diretto o un concerto a ballo non sono possibili. Nasce così il Teamballo 2.0. E' il proseguimento di una storia e contemporaneamente la sua evoluzione, proprio come succede nella danza tradizionale popolare". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...



 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Come asciugare i vestiti quando fa freddo evitando quello strano odore di umido

  • Bollettino Covid, +1.413 casi in regione e 15 morti. Salgono i ricoveri

  • Coronavirus, il piano della Regione Emilia-Romagna: "Intanto isolare famiglie con positivi"

  • Bollettino Covid, boom contagi: +1.180 casi in regione, +348 a Bologna. Altri 10 morti

  • Crollo in via del Borgo: morto al Maggiore lo studente travolto dalle macerie

  • E' nata la figlia di Gianluca Vacchi: ecco come si chiama. Tenera foto sui social

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BolognaToday è in caricamento