Venerdì, 25 Giugno 2021
Cultura

Daniele Pacini è Lala McCallan: sofisticata autoironia e sorpresa musicale aldilà del genere

"La reazione che ho avuto dopo la partecipazione a Italia's Got Talent è stata davvero indimenticabile, nonostante i velocissimi ritmi della televisione"

Un artista con e senza l'apostrofo, ma certamente con il punto esclamativo: Daniele Pacini/Lala McCallan sta per presentare il suo spettacolo "Semplicemente...Diva"  in scena a Castel San Pietro venerdì 21 marzo, primo giorno di primavera. Difficile immaginare lo show per chi non ha mai visto Lala in scena, ancora più arduo immaginare l'emozione che suscita assistera a uno dei show musicali.  Per capirne di più, ecco l'intervista a Daniele Pacini.

Chi è Daniele Pacini?

Daniele Pacini è un attore/cantante nato a Bologna che ha avuto la fortuna di studiare teatro musicale in una delle scuole più prestigiose della Gran Bretagna. Poi ha lavorato in giro per il mondo e soprattutto in America dove ha incontrato Stuart Lindsay, ballerino e cantante canadese, con il quale ha creato il personaggio di LaLa McCallan.

Come nasce LaLaMcCallan: quando, perchè questo nome, a chi è ispirata...

Il progetto LaLa McCallan nasce nel 2007 con un paio di progetti video (tra i quali il classico "Natural Woman"). Io e Stuart cercavamo un concetto originale nel quale riversare la nostra esperienza nell'intrattenimento leggero in stile americano. Volevamo creare una
sintesi di sorpresa musicale, autoironia ed eleganza, ed io volevo usare tutte le mie possibilità vocali, spaziando dal pop all'opera in tonalità sia maschile che femminile. Ho scelto il nome "LaLa", pronunciato "alla francese" con l'accento sulla ultima "a", perché è quello che la gente canta quando non sa le parole di una canzone. Quindi è squisitamente musicale.

Cosa si vede e quali sensazioni evoca il tuo show? A che tipo di spettacolo dobbiamo prepararci?

Una serata in puro stile La Vegas! LaLa canterà canzoni rese famose da dive molto diverse tra di loro, e racconterà divertentissimi aneddoti. Ad ogni sua uscita il repertorio musicale diventerà sempre più ardito, e allo stesso modo i suoi abiti di scena si faranno sempre più sfarzosi. Alla stravaganza di LaLa farà da divertito contrappunto Stuart, con un repertorio di classicissimi pezzi forti dal repertorio Sinatra, Buble ed altri grandi crooner americani.

Ci parli delle tue esperienze televisive? Avevi suscitato persino commozione se non ricordo male...cosa c'è di nostalgico in Lala?

Senza alcuna presunzione sono d'accordo con la tua domanda nel constatare che nonostante il carattere fortemente autoironico e comico degli spettacoli, il pubblico spesso si commuove. Penso che abbia a che fare con il fatto che chi trascende i generi maschile e femminile spesso produce uno slancio più o meno volontario verso l'ineffabile. Un po' come succedeva nel periodo Barocco, quando le dame svenivano ai gorgheggi degli angelici "evirati cantori" come Farinelli. E' un parallelo che constato con grande umiltà, e non senza commuovermi a mia volta. Qualcosa deve essere passato anche attraverso lo schermo, perché la reazione che ho avuto dopo la partecipazione a Italia's Got Talent è stata davvero indimenticabile, nonostante i velocissimi ritmi della televisione. E' la stessa reazione che ho avuto questa estate quando ho partecipato come ospite alla versione tedesca del programma (Das Supertalent), e sono
rimasto senza fiato nel vedere il pubblico alzarsi in piedi dopo la mia versione "a due voci" di Con Te Partirò.

Un po' frivolezze: il tuo look sempre impeccabile. Chi si è il/la tuo stylist? E chi cura il tuo make-up?

L'immagine di LaLa, come tante altre sue caratteristiche, è stata ideata da Stuart, che da subito ha voluto che fosse una Diva elegantissima e sempre impeccabile. Il suo trucco è stato da sempre creato dal bravissimo makeup artist Sergio Porcedda, che ha seguito personalmente tutti i videoclip che ho girato e tutte le sessioni fotografiche ufficiali. Sergio è un vero e proprio mago che con sottili giochi di chiaroscuro riesce a fare meraviglie. Mi ha insegnato tantissimo, e quando non posso avvalermi del suo aiuto faccio tutto da solo grazie alla tecnica del trucco aerografo, mia grande passione.

Progetti per il futuro? Spettacoli in programma dopo quello di Castel San Pietro?

Proprio in questi giorni stiamo ultimando i preparativi per girare il nostro prossimo video musicale. Sarà un progetto ambizioso perché si
tratta del brano barocco "Sposa Son Disprezzata", attraverso il quale cercherò di cristallizzare quel parallelo con Farinelli del quale
parlavamo prima. Ci vediamo su YouTube!

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Daniele Pacini è Lala McCallan: sofisticata autoironia e sorpresa musicale aldilà del genere

BolognaToday è in caricamento