menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

24 agosto, record di tamponi a Bologna: 1.618 in un giorno, e Ausl assume personale

"Ora ci troviamo di fronte a molti focolai familiari, più della metà di quelli presenti sul territorio: sono focolai mini, di due o tre o quattro persone, ma ne abbiamo avuti anche di 25"

"Ieri solo come dipartimento di Sanità pubblica abbiamo battuto l'ennesimo record di tamponi: 1.618 in un giorno, 1.070 dei quali dedicati ai rientri dall'estero ed effettuati nella sede dell'aeroporto o nel punto di via Boldrini", che ha gestito oltre 800 esami. Lo ha riferito il  il direttore del dipartimento di Sanita pubblica, Paolo Pandolfi, che annuncia anche l'arrivo di un igienista per lettura dei test, mentre a breve potranno essere impiegati altri 15 assistenti sanitari e cinque amministrativi, già selezionati. 

In autostazione tamponi e sierologici: tutte le informazioni | VIDEO

E quello di ieri è un risultato raggiunto "con persone che lavorano da otto mesi praticamente senza sosta", sottolinea Pandolfi: ne consegue che "con risorse adeguate potremmo fare di più".

Cresce l'organico

"Era necessario, soprattutto perchè abbiamo aperto un punto aeroportuale che non copre soltanto le esigenze del nostro territorio ma anche quello della regione e oltre", sottolinea Pandolfi. "Allo stesso tempo, questo personale sarà molto utile- aggiunge il dirigente- per arricchire e rafforzare una squadra che ancora è relativamente debole sulle inchieste epidemiologiche. Una squadra molto attrezzata ma che ha bisogno di risorse". Senza dimenticare che questi professionisti risulteranno preziosi anche quando inizieranno le campagne vaccinali per l'influenza, l'herpes zoster o lo pneumococco: i rinforzi insomma saranno utili "non soltanto per i test diagnostici o sierologici ma anche per tutto il mondo della profilassi, che e' molto importante- ricorda Pandolfi- per evitare che soggetti fragili possano avere sia il Covid che altri tipi di malattia".

Focolai familiari 

Ora il lavoro "e' relativamente più complicato ma sicuramente ha un impatto diverso, quindi è più facilmente gestibile. Adesso- riferisce Pandolfi- ci troviamo di fronte a molti focolai familiari, che rappresentano più della metà di quelli presenti sul territorio: sono focolai mini, di due o tre o quattro persone, ma ne abbiamo avuti anche di 25". Situazioni nelle quali, rispetto ai grossi focolai, "riesci a restringere rapidamente il fenomeno", aggiunge Pandolfi. E di strada da percorrere ce n'è sicuramente ancora molta.

"L'effetto del Ferragosto lo vedremo a fine mese", avverte l'assessore comunale alla Sanità, Giuliano Barigazzi, mentre Pandolfi pensa gia' a Natale, "quando la gente chiederà di avere i regali a casa e la logistica avrà un grande lavoro": in questa prospettiva, i 9.000 test effettuati in quel settore non hanno fatto emergere una forte diffusione del virus ma "non sono stati soldi buttati", rimarca Pandolfi, perchè quello sforzo ora "ci prepara a cosa succederà in dicembre". (dire)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Fagottini di mortadella caprino, miele e pistacchio

social

Crostatina ai lamponi senza glutine: la ricetta di Ernst Knam

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento