Martedì, 16 Luglio 2024
Cronaca

Dopo l'arresto dei pusher "Alla Dozza situazione al collasso": arrivi bloccati nel week end

Raggiunta quota 806 detenuti presenti al carcere della Dozza, 300 in più della capienza massima. Per Fp Cgil è necessario sospendere gli ingressi

Raggiunta quota 806 detenuti presenti al carcere della Dozza, 300 in più della capienza massima. 
"Quello che la Fp CGIL aveva prospettato da tempo, si è purtroppo verificato, il superamento di quota 800 detenuti con una sezione chiusa per lavori è ormai realtà" scrive il sindacato dei penitenziari in una nota: "A dare un colpo drammatico alla situazione, l'ultima retata delle forze dell'ordine, che ha portato all'arresto di una banda di spacciatori di stupefacenti". 

FP CGIL denuncia ancora "la grave situazione di sovraffollamento dell'istituto bolognese, ma come da prassi purtroppo consolidata, l'amministrazione sembra svegliarsi dal torpore soltanto quando le situazioni degenerano". Sembra, fa sapere il sindacato che "siano stati bloccati gli ingressi di nuovi giunti, anche se solo per il weekend. Misura che la CGIL condivide, ma che ritiene tardiva e troppo limitata nel tempo". 

Il periodo di sospensione, spiega FP CGIL "va mantenuto per il tempo necessario a riportare la situazione ad adeguate condizioni di vivibilità per i detenuti e di lavoro per il personale".

La situazione presso il reparto infermeria era già stata denunciata da sindacato: E' diventata ormai insostenibile, la grave situazione preesistente è stata gravata ulteriormente dal massiccio ingresso di nuovi giunti. Anche i reparti del giudiziario registrano il tutto esaurito, qui in alcuni casi la presenza di alcuni detenuti problematici, ampiamente conosciuti, sta contribuendo a rendere l'estate ancora più bollente, anche in questo caso si registra l'assenza di provvedimenti di qualsiasi tipo da parte dell'amministrazione ed il rischio che certe situazioni possano degenerare con il passare del tempo".
La Fp CGIL chiede nuovamente all'amministrazione "di prendere reali e decisivi provvedimenti finalizzati a risolvere una situazione sempre più compromessa presso l'istituto in questione, senza limitarsi al solito allontanamento di qualche detenuto che, com'è ormai provato non sortisce alcun effetto sulle condizioni lavorative e detentive, ma si limita a liberare qualche posto letto per qualche ora".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dopo l'arresto dei pusher "Alla Dozza situazione al collasso": arrivi bloccati nel week end
BolognaToday è in caricamento