Seconda ondata Covid e posti letto in ospedale: "Prioritario mandare avanti le attività ordinarie"

Il Sant'Orsola si appresta a nuove riconversioni: da domattina il padiglione pneumo-nefro verrà riconvertito. Il direttore Gibertoni: "I numeri degli ultimi giorni ci hanno fatto accelerare"

Usa una metafora sportiva Chiara Gibertoni, direttore Generale dell'Azienda Ospedaliero-Universitaria di Bologna, parlando della situazione dovuta all'impennata dei contagi da Coronavirus: "Oggi dobbiamo giocare contemporaneamente due campionati e anche se abbiamo una squadra composta da atleti capacissimi, è vero che questi atleti sono anche stanchi e un po' scoraggiati da una situazione da così drammaticamente evidente".

Accesso strutture sanitarie, tutte le regole spiegate da Ausl in 60 secondi | VIDEO 

La seconda ondata era attesa, certo, ma con dei tempi diversi: "Pensavamo coincidesse con le normali patologie da raffreddamento, quindi con l'influenza, ma l'esordio è stato decisamente anticipato. Lo sforzo è garantire l'assistenza di tutte le altre patologie. Cosa che al momento stiamo mantenendo ma la pressione c'è". 

Crescono contagi e ricoveri. Gli ospedali si preparano. “Al Maggiore +14 letti in due giorni, vogliamo tenere tutto attivo"

Nuova conversione al Sant'Orsola da domani

Una nuova conversione domattina, quando il padiglione 15, il pneumo-nefto di Nava e La Manna, sarà oggetto di un ricollocamento di letti (20) per la degenza ordinaria, aggiunti ad altri 25 di terapia intensiva: "Siamo senza dubbio più che preparati ma è ovvio che la capienza ha bisogno di essere ridefinita e deterinata continuamente a seconda di come si sviluppa la situazione. La novità dei tamponi rapidi ci consente un maggiore margine di flessibilità" ha detto Gibertoni.  

Sanità, così il Covid ha accelerato l'innovazione: "Il futuro sono gli ospedali che fanno sistema" 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emilia-Romagna verso la zona gialla, Donini: "Aspettiamo una settimana"

  • Coronavirus Emilia-Romagna: il virus picchia duro, nell'imolese morto un 45enne

  • Martina stroncata dal covid a 21 anni: "La conoscevo da sempre... usiamo meno leggerezza d'ora in avanti nel parlare della malattia"

  • Nuova ordinanza regionale: confermate le misure, altre attività aperte nei prefestivi

  • Stato di crisi: "Non c'è mobilità, non ci sono i ristori": in autostrada i distributori chiudono

  • Covid Bologna ed Emilia-Romagna, il bollettino: l'epidemia rallenta, ma ci sono 50 morti

Torna su
BolognaToday è in caricamento