Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Coronavirus, ventilatore multiplo: "Dopo l'angoscia iniziale l'idea, ma non sono contento | VIDEO

Marco Ranieri, direttore Anestesiologia e terapia intensiva del Sant'Orsola, spiega come è nata l'invenzione ora sul tavolo del Ministero

 

"Martedi sera il mio collega Antonio Pesetti, direttore di Anestesia e rianimazione al Policlinico di Milano, mi ha chiamato perché due malati non avevano il ventilatore, erano ventilati a mano e non sapevano come procedere. Dopo il primo momento di angoscia, abbiamo cominciato a lavorare".

Comincia così il racconto di Marco Ranieri, direttore della Anestesiologia e terapia intensiva del Policlinico Sant'Orsola, che in questo video spiega come e da dove è nata l'idea del circuito che permette di ventilare due malati con un respiratore. Disegnato in tempi record, neanche 72 ore, dalla multinazionale Intersurgical di Mirandola, poi testato in ospedale e ora in produzione.

"Sono contento di questa cosa? No – dice Ranieri – perché se abbiamo pensato a una cosa del genere vuol dire che siamo vicini al limite di saturazione della nostra capacità di assistenza. Se la gente non capisce che deve stare in casa per fermare la diffusione del virus, noi non saremo in grado di assisterla".

"Utilizzando questa tecnica – spiega il direttore della terapia intensiva del Sant'Orsola – è vero che aumentiamo la capacità di assistenza, ma al tempo stesso riduciamo la qualità dell'assistenza. Vuol dire che siamo a un livello vicino alla disperazione. Non lo siamo  – precisa –- noi oggi riusciamo a rispondere a tutte le esigenze, con grande fatica e con grande stress. Ci stiamo riuscendo. Ma la gente ci deve aiutare restando in casa".

Come detto dal commissario Sergio Venturi in diretta, il circuito innovativo ideato da Ranieri e Pesetti è sul tavolo del ministro della Salute.  "Abbiamo inventato una cosa che probabilmente non servirà solo a noi ma anche ai cittadini di tante altre nazioni. Un grazie, dunque, a Marco Ranieri e all'impresa di Mirandola che ha realizzato il prototipo testato al Sant'Orsola di Bologna", queste le parole dell'ex assessore alla Sanità. 

(Intervista Ufficio Stampa Policlinico Sant'Orsola)

Coronavirus, aggiornamento Emilia-Romagna: 5.968 casi, 754 in più. Altri otto morti nel Bolognese

Coronavirus, c'è l'accordo con gli ospedali privati: 4mila posti, 95 di terapia intensiva

Coronavirus, anche a Bologna arriva l'esercito per i controlli

Coronavirus, la commissaria Ausl: "A Bologna è iniziata la fase più acuta"

Coronavirus, farmaci senza ricetta: l'Emilia-Romagna prima in Italia

Coronavirus e norme anti-contagio, controllati dai carabinieri in 7600: 450 denunce

Affitto gratis a infermiere Covid-19: "Volevo essere utile, ora Bologna mostri di che pasta è fatta"

Coronavirus, Venturi: "Un ventilatore polmonare per più pazienti, una bella notizia che ci riempie di orgoglio"

Coronavirus, Venturi sbotta: "Centinaia di morti e ancora si lamentano per la corsetta" | VIDEO

Coronavirus, in zona rossa a Medicina: check-point e aiuti ai cittadini | VIDEO

Coronavirus, nuova ordinanza: parchi chiusi, bici e passeggiate solo vicino casa

VIDEO| Il direttore malattie infettive: "Se non state in casa, la sanità va in ginocchio"

Coronavirus, mappa interattiva: casi, incidenza per provincia, terapia intensiva

Coronavirus, cambia l'autocertificazione per uscire: il nuovo modulo

Coronavirus, il presidente Bonaccini: "State a casa o sarà davvero una tragedia"

Coronavirus e solidarietà: "Mi alzo alle 4 per regalare la colazione a medici e infermieri"

Potrebbe Interessarti

Torna su
BolognaToday è in caricamento